* * *

domenica 8 febbraio 2009

A papà miè ( A mio padre )

So vnuta ssassù
sopra lu coll
lu s'lenzi era fort, era lu ciel
sott'a lu ciel li garofna bbiang
cingu' p tte e cing' p mmamma
ng sctiè nnsciuna, savàm i, tu e essa
ppuò tutt chighiaddr ca nni cunosc
ardiè li lmì era quasc nott
so rcalata a ppass d'om
so rprtat lu s'lenzi, t so r'alat nu vasc.
Nnè ora c m viè n'zuogn?

***

Sono venuta lassù
sul colle
il silenzio era forte, era il cielo
sotto il cielo i garofani bianchi
cinque per te e cinque per mamma
non c'era nessuno, eravamo io, tu e lei
poi tutti gli altri che non conosco
ardevano i lumini era quasi notte
sono scesa a passo d'uomo
ho portato il silenzio, t'ho regalato un bacio.
Non è ora che mi vieni in sogno?


Enrica Loggi
( poesia 1° classificata Provincia Ascoli-Fermo, al 33° Festival del dialetto di Varano - AN )

Nessun commento: